Burg Taufers 01
Scoprire le Valli di Tures e Aurina in Alto Adige

Miglior prezzo garantito

Prenotando direttamente, vi garantiamo il miglior prezzo su internet!
Miglior prezzo garantito
Prenotando direttamente, vi garantiamo il miglior prezzo su internet!

Mete per gite, cultura e piaceri culinari

Cosa da vedere in Valle Aurina

Nelle immediate vicinanze del nostro hotel ci sono molte stupende mete di gite, eventi culturali ed eccellenti offerte culinarie.

Nascosti nel cuore della montagna

Museo delle Miniere e Centro climatico

Dove un tempo, 500 anni fa, si estraeva il rame, c'Ú oggi il Museo delle Miniere, aperto ai visitatori. Potrete immergervi nella storia mineraria della Valle Aurina o fare perfino una terapia in grotta (speleoterapia). Con temperature costanti di 8-10 °C e un'umidità di circa il 97%, si crea infatti un microclima dagli effetti benefici sulla salute. Le allergie e i problemi delle vie respiratorie possono cosÏ essere alleviati in modo delicato e senza effetti collaterali.

Veri piaceri culinari

Alpeggi e rifugi

I 164 alpeggi, in gran parte con punto di ristoro, e i 7 rifugi delle Valli di Tures e Aurina sono luoghi ideali per una gustosa pausa. I gestori dei rifugi preparano deliziose specialitĂ  come i canederli pressati, i krapfen con ogni tipo di ripieno o una saporita merenda a base di speck altoatesino, formaggio e pane “SchĂŒttelbrot”.

BontĂ  per ogni gusto

Cucina in strada di Campo Tures

Assaporate all'aria aperta le specialitĂ  altoatesine: ogni martedĂŹ di luglio e agosto potrete assaggiare diverse bontĂ  locali nella piĂč grande cucina all'aperto dell'Alto Adige. Oltre che dalle delizie culinarie, la piacevole atmosfera della serata Ăš assicurata da bande e gruppi musicali e da vari artisti.

Sulle tracce dei castellani

Castel Tures

Questo maestoso castello fu costruito agli inizi del XIII secolo su uno sperone roccioso sopra Campo Tures. Le sale di epoche diverse, i rivestimenti in legno di pino cembro, gli "affreschi di Pacher" nella cappella, l'armeria, la grande biblioteca e la sala delle torture con le segrete possono essere ammirati durante l'avvincente visita guidata del castello. Nel corso di serate speciali, ha luogo per i bambini l'ora dei fantasmi, dove alla luce delle lanterne sono raccontate storie misteriose di fate e folletti.

Da orientale ad alpino

Museo dei presepi

Nelle immediate vicinanze del vostro alloggio si trova il Museo dei presi "Maranatha" (in aramaico: "il Signore verrĂ "). Con grande attenzione ai dettagli, sono state create delle bellissime culle che stupiranno i visitatori di ogni etĂ . Accanto al museo si trovano il Giardino degli scultori, un laboratorio di intaglio di maschere e una Modern Art Gallery.

Un viaggio nel passato

Museo provinciale degli usi e costumi

Il Museo provinciale degli usi e costumi di Teodone fa rivivere la vita dell’antica società rurale e della nobiltà dei secoli passati. L’area all'aperto con i vecchi masi, le botteghe artigiane e gli orti dei contadini invita i visitatori a soffermarsi e a farsi un’idea della dura vita quotidiana della gente del tempo. Eventi come la festa delle erbe aromatiche o il corso di panificazione sono sempre molto apprezzati e frequentati.

I tesori delle Alpi

Museo mineralogico

La bella esposizione a San Giovanni in Valle Aurina presenta minerali del mondo alpino, tutti trovati dal proprietario del museo. Qui si possono ammirare oltre 1.000 pezzi d’esposizione di preziosi minerali, quarzi e cristalli.

Un luogo contemplativo alla fine della valle

Chiesetta di Santo Spirito

Il popolare santuario fu costruito nel XV secolo e un tempo serviva come chiesa dei minatori della miniera di Predoi e dei viaggiatori che volevano attraversare la catena principale delle Alpi. Oggi, un sentiero di contemplazione conduce da Casere fino alla chiesa, dove si ergono maestose colonne di legno con rilievi religiosi della scuola d'intaglio della Valle Aurina.

Natura, animali e persone

Centri visite Vedrette di Ries-Aurina

I centri visite di Campo Tures e Casere trasmettono ai visitatori la forza e la vulnerabilitĂ  del paesaggio alpino in tutte le sue sfaccettature.